LE PAROLE E LO SCAMBIO

                              

                              

                                                                                                                

Le parole non possono essere merce di scambio, le parole sono esse stesse lo scambio.                                                                                                                 

Ma è successo, invece, per loro ciò che, si pensava, fosse possibile solo con il denaro.                                                                                            

 Anche la moneta, rappresenta il valore di uno scambio, e nasce, ovviamente, con questo significato ma ben presto diventa merce di scambio. Il capitalismo ne ha fatto la quintessenza della propria religione, il suo idolo indiscusso.                                                                      

 Il denaro come valore in sé, addirittura, in un passo successivo, ha lasciato spazio al credito, a qualcosa che non esiste oggettivamente, che, appunto, è semplicemente “creduto” proprio come un atto di fede.                                                                                                                       

 Ciò che è più evanescente ha acquistato paradossalmente sostanza  e allora non dovremmo meravigliarci più di tanto se, per contrappasso, i “titoli” in cui investiamo si rivelano troppo spesso “volatili”, se quelli che hanno piegato qualche decennio fa l’economia americana si chiamavano “futures” proiettando le aspettative messianico-economiche in un futuro che si è rivelato catastrofe.                                                                                                        

  Ma instancabile e ondivago è il denaro.                                                                                                                   

  E’ appena il caso di ricordare che l’essenza nomade della moneta ricorda molto l’eterna diaspora senza fissa dimora del popolo che più di tutti, anche in modo infamante, è stato identificato con i suoi traffici: quello ebraico.                                                                               

 D’altronde, una storia intellettualmente onesta dovrebbe riconoscere che per chi come loro non poteva per legge possedere beni immobili ed è stato costretto ad un’eterna erranza negli ultimi duemila anni, l’unico investimento possibile era proprio la moneta.                                                                                                              

Ma l’essere umano si distingue per aggrapparsi ai sogni, sentirsi protetto nei labirinti dei deliri, squarciare con una lama le trame delle ideologie e finanche impiccarsi alle parole.                                                    Sono evidentemente fili troppo fragili ma non per questo forse meno testardi, tenaci anche quando invisibili, sanguinanti anche se incorporei.                                                                                                  

       Ecco appunto le parole.                                                                                  

Portatori di significato, ma mai portatori sani!                                          

  Non può esistere una lingua primaria di roussoeauiana indole, contenitore diafano e innocente dei significati, poiché ogni significato umano gronda del sudore e del sangue dell’uomo che     lo ha incarnato.                                                                                                      

 Non c’è una parola primaria che si possa mantenere pura in una teca inviolabile perché per prendere vita ha bisogno di sporcarsi le mani nel complesso e mirabile scontro della relazione umana.                                                                                                                

 Ogni parola scivola dalle mani dell’uomo perché è imprendibile una volta per sempre il suo significato così come scivolano i molteplici significati di ogni parola, perché dall’uso vengono continuamente plasmate e forgiate.                                                                                       

Deinòs è l’aggettivo usato da Sofocle nell’Antigone per descrivere l’uomo.                                                                                                                       

E deinòs significa mirabile ma significa anche tremendo, terribile.                                                                                                             

 Questo Giano bifronte è l’essenza stessa dell’umano, la sua cifra profonda.                                                                                                               

 Non c’è dubbio, però, che attorno alle parole sono state create fedi, fondati imperi, elaborate ideologie.                                                                

Ma se la parola unica e univoca, è quella che emana dalla bocca del profeta, del sovrano, del capo, al contrario, la parola dello scambio, della relazione è plurima e molteplice e diventa professione nobile nel senso weberiano del termine.                                                                  

  Laddove il termine tedesco beruf accoglie i due significati di vocazione e professione.                                                                           

 Ovviamente la parola presuppone il rispetto per l’interlocutore, che non significa acquiescenza o qualunquismo ma dialettica, nell’etimologia greca del dia-lego (quel parlare-partendo-da-lontano).                                                                                                                      

 Partire da lontano, da due visioni o più semplicemente due posizioni contrapposte e difenderle onestamente nel con-fronto.                                                                                                                

Quella prossimità che permette di avvicinarsi da quel “dia-” al prosopon to prosopon (il faccia a faccia) che sembra oggi abbiamo perduto nel compulsivo digitare virtuale delle tastiere.                                 

 Non è una novità che parole e slogan vengano utilizzati come totem, come simboli di visioni del mondo.                                                                            

Ma il pericolo della deriva verso la quale sembra ci stiamo incamminando è singolare ed inquietante.                                                                              

Non c’è dubbio che alcune parole possano riflettere l’arroganza e la prevaricazione di gruppi e tendenze che le hanno utilizzate con un’accezione negativa e degradante ma non si può commettere l’errore di gettare il bambino con l’acqua sporca.                                                                                

 Le parole non hanno colpe, colpevole può esserne l’uso distorto che se ne può fare.                                                                                                          

 E’ ipocrita e velleitario illudersi che il rogo delle parole possa lavare le colpe di chi ha discriminato o sottomesso attraverso di esse. Elenchi di parole colpevoli che ricordano Indici di altri tempi di libri proibiti ed eretici.                                                                                            

 Onesto e doveroso sarebbe invece da parte di chi ha abusato delle parole tanto quanto ha abusato dell’altro essere umano, di liberare finalmente quei termini dal fango che vi ha gettato sopra.                                                                             

Non possiamo usare le parole come merce di scambio sull’altare dell’ipocrisia.                                                                                               

 Non si cancella una lingua di un passato anche se infamante.                    Al contrario se ne riprende la memoria per affrontarla nel doloroso compito della traduzione e della spiegazione.                                                 

 A chi sosteneva che dopo Auschwitz non si potesse più utilizzare la lingua tedesca e che addirittura non si potesse più fare poesia il poeta Paul Celan di origine ebraica rispose con dei versi potentissimi dedicati proprio alla parola che lui definisce in maniera straordinaria: la “nata dal silenzio”.                                                                                                   

 Silenzio prima della parola ma anche silenzio dopo l’aggressione della parola, affinché ciascuno abbia la sua. «A ognuno la parola./ A ognuno la parola che gli cantò / quando la muta lo assalì alle spalle – scrive nella poesia Argumentum e silentio – A lei, alla notte, / la sorvolata di stelle, l’inondata di mare, / a lei nata dal silenzio…»                                                                                                             

 E’ forse questa la risposta migliore a chi pretendesse, come l’ideologia wokeness negli USA oggi, di cancellare con un colpo di spugna ogni passato che si è macchiato di colpe e le parole stesse che accompagnano quel passato esercitando, così, la stessa dittatura da cui è stato oppresso.                                                                                                                      

 In principio era il verbo (la parola), così inizia uno dei testi più famosi di ogni tempo, ma alcune parole dopo prosegue…e il verbo si fece carne.                                                                                                        

Laicamente può rendere conto del grande destino della parola: rimanere il mezzo di scambio più prezioso per l’essere umano incarnato nel suo tempo e non una volgare merce di scambio al mercato dell’ipocrisia a gabbare il simulacro di un uomo perfetto  ma (fortunatamente) inesistente.

Paolo Fiore

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...