EPIMETÉO: IL FRATELLO DIMENTICATO

L’alba del mito ha partorito, insieme a tanti altri personaggi emblematici, due fratelli diversi, ma, come spesso è accaduto,  l’uno, il vincente, ha simboleggiato l’eroe dell’Occidente, l’altro, subito dopo la sua ingloriosa vicenda, è stato condannato all’oblio.                                                                           

Prometeo ed Epimeteo, non solo due caratteri opposti ma due opposte visioni del mondo.                                                                                                                                   

Dopo tremila anni, il fratello minore, la faccia sensibile e fragile dell’umano, che il mito del progresso ha preferito considerare mai nato, ha risalito faticosamente secoli di dimenticanza e qualcuno lo ha finalmente riconosciuto nella sua necessità.                                                                                                                

«Il ritorno dell’uomo epimeteico», come direbbe Ivan Illich, ha ridimensionato e forse offerto una possibilità di salvezza alla folle corsa dell’uomo prometeico verso un probabile abisso.                                                                                                                   

Di Prometeo e del suo furto del fuoco agli dèi e poi dell’invenzione della tecnica sappiamo tutto, la storia dell’Occidente ci ha raccontato dei suoi mille travestimenti nei panni dei conquistatori della terra di tutte le epoche.                                                                               

Si chiamassero Dedalo, Ulisse, Alessandro Magno e la folta schiera che li ha seguiti.                                                                                                                                           

In tutti i campi della conoscenza, in tutte le modalità della tecnologia.                                                                                                           

 Ha rappresentato, in un’espressione, il mantra del progresso.                                                                         

Di Epimeteo, invece, si perdono quasi subito le tracce, della sua esistenza quasi-umana si ignora tutto, il diktat della storia sul suo conto è stato: dimenticare !                                                                                                                        

 Forse perché al contrario del fratello indomito, arrogante ed altero che non si piega neanche quando Zeus lo incatena alla montagna facendogli divorare il fegato dall’aquila, lui umanamente sbaglia e sbaglia tanto.                                                                                                  

Avendo possibilità di donare, dona tutto quello che ha, cominciando dagli animali, facendo così arrabbiare gli avidi uomini a cui non resta nulla, si innamora della donna sbagliata Pandora, anche lei un dono, ma dono-tranello degli dèi, e poi passa molto tempo, forse troppo, a riflettere su ciò che è accaduto (epì-metis: pensa dopo) invece di guardare solo e sempre avanti (pro-metis) come il fratello verso il sol dell’avvenire.                                                                                

Fosse uno studente di oggi, quasi sicuramente non rientrerebbe negli obiettivi della moderna scuola della prestazione, magari assegnato ad un insegnante di sostegno e all’immancabile supporto psicologico per la sua bizzarra volontà di essere se stesso con tutti i suoi limiti.                                                                                                         

 Ma forse questa vulgata del mito nasconde una verità inconfessabile: la velleità del paradigma dell’uomo solo e autosufficiente che non ha bisogno dell’altro (sia esso il fratello o l’altra faccia di se stesso) e l’assurdità della subordinazione femminile.                                                                                             Verità, ovviamente, inconfessabile a quella cultura dispotico-patriarcale che ha intessuto le trame dell’Occidente.                                                                    

 D’altronde Platone nel Protagora elogia Epimeteo per l’equilibrio con cui distribuisce agli animali i doni degli dèi e, aggiungendo ad un certo punto che «non si rivelò bravo fino in fondo», afferma la caratteristica squisitamente umana del limite e dell’imperfezione.                                                                                                 

Inoltre, come scrive Stefano Borselli, «neppure nella versione del mito nelle Opere e i giorni di Esiodo nessun giudice chiama Epimeteo a rispondere delle sue “sciocchezze”: siamo noi uomini a lamentarcene perché ne paghiamo o godiamo le conseguenze».                                                                                                       

E allora la vera protagonista, che, proprio perché scomodamente tale per quella cultura, viene assegnata al ruolo della colpa, è Pandora.                                                                                                                 

 Lei, a cui viene affidato il vaso colmo di bene e di male è, come Epimeteo, autentica e così  tanto in buona fede da ignorarne il contenuto.                                                                                                              

Ma il contenuto è lei stessa, il suo nome, infatti, è Tutti-i-doni.                      

Pandora, dunque, contenente e contenuto, dona, di fatto, sé all’altro.                                                                                                                   

E quando apre quel vaso producendo la fuoruscita dei mali del mondo non potrebbe fare altrimenti perché la vita fa necessariamente i conti con essi.                                                                    

«Solo la Speranza, come in una casa indistruttibile, dentro al vaso rimase […] perché [lei] prima aveva rimesso il coperchio» conclude Esiodo.                                                                                                            

Pandora riesce a trattenere la speranza ma l’Occidente la condanna ugualmente con il suo Epimeteo alla sconfitta.                                                                                                         

La storia, infatti, ha scelto il mito prometeico del progresso che ha sostituito la speranza con l’aspettativa, intesa, come afferma Ivan Illich come «contare su risultati programmati e controllati dall’uomo » e così continua « La speranza concentra il desiderio su una persona dalla quale attendiamo un dono. L’aspettativa attende soddisfazione da un processo prevedibile, il quale produrrà ciò che è nostro diritto pretendere».                                             

Ovviamente, sarebbe sciocco pensare che le società complesse della contemporaneità possano fare a meno di processi prevedibili ed organizzati per il soddisfacimento dei bisogni ma è altrettanto folle illudersi che essi possano realizzare la pienezza dell’umano.                                                                          Il fine ultimo che umanizza un processo programmato non è il risultato, il numero, la prestazione, ma è il Nome.                                                                               

 «Il medico, infatti, afferma Aristotele nella Metafisica,  non guarisce l’uomo ma Callia, Socrate o qualcun altro chiamato in modo simile per il quale è accidentale essere uomo; e se qualcuno conoscesse la ragione della malattia ma non ne avesse esperienza, e conoscesse l’universale ma ignorasse l’individuale in esso contenuto, spesso sbaglierebbe la cura, perché ciò che si deve curare è l’individuale».                                                                                    

 Rimanendo, allora, nell’ambito della Medicina, ben venga la tecnica nelle protesi(zzazioni) di qualunque tipo (chirurgiche, ortopediche, cardiologiche, ecc…) oltre che nella diagnostica, nella farmaceutica, ecc… ma tra una protesi e l’altra c’è l’essere umano che richiede la cura per e nella sua singolarità irripetibile.                                                                                                                       

 Questo è ciò che si intende per Medicina olistica o Medicina interna.                                                                                                                         

Medicina che sa «internalizzarsi» nell’individuo avendo il coraggio di sfatare il mito della guarigione sempre assicurata nella consapevolezza che non tutto è guaribile ma tutto deve essere curabile.                                                                                                             

 Anzi, la cura (l’attenzione umana verso l’umano) è tanto più necessaria quanto più è improbabile l’orizzonte della guarigione.                                                                   

E’ la speranza che il sofferente e l’essere umano, più in generale, ripone nell’attesa del dono della cura da parte dell’altro.                                                    

L’attesa di sentirsi dire con le parole di Franco Battiato… io avrò cura di te…                                                                                                                                 

Solo in tal senso ci libereremo dal pernicioso cortocircuito dell’aspettativa del risultato atteso nella pretesa irrazionale del suo ottenimento.                                                                                                    

Come conclude Ivan Illich:                                                                                                   « Oggi l’ethos prometeico ha messo in ombra la speranza.                                          La sopravvivenza della specie umana dipende dalla sua riscoperta come forza sociale.»

Paolo Fiore

5 pensieri su “EPIMETÉO: IL FRATELLO DIMENTICATO

  1. Veramente bravo ….l’ho riletto ieri sera e devo congratularmi per il tuo modo intrigante, filosofico ed articolato di scrivere….concordo ovviamente sul ruolo centrale dell’uomo come persona e come anima….con un tuo riferimento a Battiato…”avrò cura di te”…..👏🏻👏🏻👏🏻

    "Mi piace"

  2. Carissimo scrittore Fiore, sai essere eloquente quanto occorre alla comprensione del lettore; storico, quanto è necessario alle curiosità della gente infatti ci illustri su argomenti e personaggi altrimenti sconosciuti e sai essere poetico quanto occorre ad una poesia creatrice oltre che estetica; di queste cose da lettrice ti ringrazio.
    Sono felice di poter aggiungere ai tuoi meriti quello che li riassume tutti: medico. Medico nel senso di filosofo e filosofo con il significato di medico. Soprattutto in questo momento in cui i fatti di medicina sono entrati nel giornaliero spaventandoci e per niente istruendoci, ti ringrazio ancora di più per essere quello che sei.

    Complimenti un articolo particolarmente bello.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...