Diario di un vuoto d’amore

Dietro la storia di Agata, la protagonista del nuovo romanzo di Elena Mearini, c’è un mondo interiore complesso e indicibile tutto da esplorare.

I passi di mia mia madre è un libro che coinvolge la sfera introspettiva del lettore. È un romanzo che ci coinvolge già dalle prime battute perché la sua autrice con le parole ci sa fare: le coccola, le accarezza, le esprime, ma soprattutto a loro sa attribuire l’importanza che meritano.

Le parole con cui Elena Mearini ha scritto la sua storia sono le parole della letteratura ma anche le parole della vita.

I passi di mia madre è letteratura che incontra la vita.

Agata, un editore quarantenne che vive a Milano, il prima persona e con un presente che dona al racconto un ritmo incalzante, si mette alla ricerca dell’amore mancato, quello materno.

La madre, quando lei era ancora una bambina, scomparve, abbandonando lei e il padre.

Da quel giorno il vuoto entra nella sua vita insieme alla mancanza della figura materna.

Un giorno recupera una vecchia scatola di scarpe che contiene appunti scritti da lei e da suo padre nell’anno successivo alla scomparsa della madre: pagine su cui erano annotati i vari luoghi di avvistamento e una serie di località dove qualcuno sosteneva di averla incontrata.

Uno di questi fogli conduceva al Convento di Santa Gilia, nell’entroterra ligure.

Agata rilegge i suoi appunti e decide di mettersi sui passi di sua madre e di quell’amore mancato che pesa come un macigno nella sua esistenza: «Scriverò la storia di mia madre. Devo capire cosa l’ha spinta a rimuovermi dalla sua vita come fossi stata una di quelle macchie d’unto intorno ai fornelli che lei proprio non sopportava».

Agata scrive in corsivo il romanzo dedicato a sua madre, lo inserisce nella sua vita quotidiana tormentata da amori impossibili che scorrono nel tempo che passa e su cui si sente sempre un inquietante vuoto d’amore.

La figlia si inventa nel racconto immaginario una madre, sua madre. Le dedica un altare di parole, la cerca con il conforto degli scrittori che ama, ricostruisce grazie alla forza terapeutica della scrittura i suoi passi per cercare, tra finzione e realtà, una dimensione che gliela restituisca.

Elena Mearini scrive il monologo interiore di Agata che si perde sui passi di sua madre, che cerca di colmare il vuoto attraverso la letteratura che non può fare a meno della vita.

I passi di mia madre è un romanzo di formazione affettivo. In prima persona e con il presente delle proprie mancanze Agata si lancia senza paracadute senza preoccuparsi delle dure conseguenze della caduta.

La figlia nella scrittura della sua lunga lettera –romanzo capirà che quando si trova la fine di qualcosa, allora si comprende che un inizio c’è stato davvero.

Per Agata la scrittura intorno a sua madre sarà terapeutica (ma scrivere è sempre terapeutico). Scrive di lei, prova a cercare le parole giuste per capire cosa ne è stato di sua madre, ma nel suo racconto la inventa anche per esorcizzare il vuoto di quella profonda mancanza d’amore.

Agata, che non ha mai smesso di camminare sui passi di sua madre, scoprirà che la realtà supera sempre la fantasia e che la letteratura è sempre qualcosa che ha a che fare con la vita.

«Più scrivo di mia madre e più la sua scomparsa trova respiro».  I passi di mia madre è un romanzo che ci appartiene, è una storia di vita raccontata con il respiro del cuore, il diario di un vuoto d’amore che ci coinvolge con le parole giuste che la vita stessa prende in prestito dalla letteratura proprio nel momento in cui la letteratura non può fare a meno della vita.

Nicola Vacca

(Elena Mearini, I passi di mia madre, Morellini editore, pagine 153, € 15,90)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...