ISOLAMENTO, SOLITUDINE E CONSAPEVOLEZZA NELL’EPOCA DEL LOCKDOWN

Ogni viaggio intero è, necessariamente, un Viaggio al termine della notte e le tinte nere di Louis-Ferdinand Céline non sono il “ nonostante “ rispetto alla sua grandezza ma la stessa oscurità di un altro grande tragico: Caravaggio, che permette, per contrasto, alla luce abbagliante dell’ inquietudine umana di mostrarsi davvero.                                                                                                                  Ma per affrontare quel viaggio, la goliardìa della confusione “social”, equivalente moderno della caciara sociale, rappresenta solo il patetico refrain inutile di “ rimpatriate a tempo ormai scaduto “.                                                                                 

Perché partire è ( un po’ ) morire ed il ritorno presuppone l’esilio dalla propria terra ( e dalle proprie abitudini ) e forse anche l’esilio più grande, quello della parola, perché si isoli e si ripulisca dai fraintendimenti e riacquisti i significati autentici.                                                                                                       

Esilio per Abramo, l’archetipo del capostipite che deve abbandonare la propria terra e lui, il padre simbolico delle genti, sacrificare Isacco, il figlio simbolico per eccellenza.                                                      Già il suo è stato un viaggio al termine della notte dove necessità e/o caso decidevano al di là della giustizia e addirittura fondandosi sull’ ( apparente ) ingiustizia di un dio che gli chiedeva di uccidere il figlio.                                                                                                                                

Agli estremi di questo viaggio, in tutti i tempi, il sacrificio ha sempre il nome di un padre e di un figlio, Isacco per la partenza improvvisa di Abramo, Telemaco per il ritorno troppo atteso di Ulisse.                                                                            

Ma la separazione è una cruda necessità e per vivere davvero bisogna avere il coraggio di salire sul proprio Treno di notte per Lisbona.                                                                                                                

Da una “ Berna “ al centro dell’Europa, come della propria vita, verso una Finis terrae, come un Cammino di Compostela per un Santiago umano ( troppo umano ! ).                                                                                                                                  

Ed è un cammino che si percorre da soli ( solitudine necessaria ) anche se si viaggia in compagnia ( non isolamento ).                                                                                                  

Il lockdown necessario e doloroso che questa pandemia ci ha imposto, ha smascherato  l’equivoco e sparigliato le carte impedendo a chi è sempre fuggito dai momenti necessari di solitudine di giustificarsi con il ( legittimo ) rifiuto dell’isolamento.                                                                                                     

Però la capacità di stare in solitudine è condizione necessaria per un’ autentica integrazione sociale mentre infilarsi nella massa permette solo un’alienazione maggiore.                                                                                                                                   

Ma la vera mistificazione postmoderna che identifica l’uomo con il consumatore ha subìto una scossa tellurica potentissima dal confinamento tra le mura domestiche dove la bulimia di acquisti è stata scremata fino ai soli veri bisogni primari mentre si costatava fortunatamente che le esigenze profonde dell’umano non potevano essere acquistate neanche su Amazon.                                                                                          

E allora, questa reclusione forzata, può aver paradossalmente offerto l’opportunità di dare un significato alla propria consapevolezza.                                                                                                

 Questa parola come la parola coscienza ( con-scientia ) condividono la dimensione del cum-scire : conoscere-con.                                                                                                                      

La domanda allora è: Con chi ?                                                                                    Verrebbe da pensare a qualcuno o a molti esistenti o esistiti ( gli opinionisti, o gli esperti o i pensatori in generale che ci hanno preceduti ed hanno formato la nostra cultura, i nostri costumi ).                                                                                                                   

Ma primariamente invece quel chi, siamo, ovviamente, noi stessi.                                                                                                              

 La coscienza, allora, prima ancora che una dimensione etica, che ne costituisce soltanto la diretta conseguenza, legata alla responsabilità del proprio agire, sarebbe quell’entità riflessiva per la quale costantemente io mi penso ( mi vedo, mi conosco… )                                                                                      

Ma questo necessariamente produce uno sdoppiamento in me !                                                                                                                

Per guardarmi devo mettermi a fuoco e quindi mettermi di fronte la mia immagine.                                                                                                                                    

 Noi oggetto primario stesso della nostra conoscenza.                                                   

Ma per vedermi bene devo posizionarmi nel giusto punto focale, poiché se allontano la mia immagine dal punto di fuoco divarico troppo ciò che sono da ciò che vedo di me fino alla schizofrenia ma se al contrario avvicino troppo rischio di precipitare la mia immagine su me stesso e perdere quella giusta distanza ( ammesso che esista una giusta distanza ) che è  consapevolezza divenendo vita vegetativa inconsapevole.                                                                                               

E allora quel cogito ergo sum forse dovrebbe trasformarsi nel cogito me cogitans, ( penso me che pensa ) ergo ?                                                                           

Ergo sumus, dovremmo rispondere a rigore: Dunque siamo !                                    

Un passo a due interiore, uno sguardo bin-oculare, una postura bi-pede !                                                                                   

Quindi se per conoscere chi e dove sono devo vedermi almeno lievemente spostato nello spazio e posizionato almeno un attimo dopo nel tempo la conoscenza di noi stessi potremmo definirla effettivamente una conoscenza quantistica.                                                                                                              

Questo è il nostro paradosso esistenziale e la conseguente vertigine emozionale, quell’ eco che riverbera in noi, che parla tra sé e sé e che, comprensibilmente,  parla più forte nel silenzio ( apparente ) della solitudine e nella pausa dei rumori-di-fondo-di-fuori.                                                                

Ma questo dialogo interno è il linguaggio più intimo e fitto che bisbiglia in fondo ( e talvolta grida ) coperto dai decibel della convivenza sociale.                                                                                            

Questo linguaggio è la vera relazione ( la relazione primaria) di noi con noi stessi.                                                                                                                                         

E ad esso possiamo attribuire senza dubbio la parola spirito, lo spirito autentico dell’uomo.                                                                                                         

Giorgio Agamben ha trovato in proposito parole esatte per esprimere questo concetto: «Che l’anima e il corpo siano indissolubilmente congiunti, questo è spirituale. Lo spirito non è un terzo tra l’anima e il corpo, è soltanto la loro inerme, meravigliosa coincidenza. Sentire e sentirsi, sensazione e autoaffezione sono contemporanei. In ogni sensazione c’è un sentire sentirsi, in ogni sensazione di sé un sentire altro, un’amicizia e un volto»                                                               

In questa nostra era ipertecnica abbiamo ridotto l’individuo ad organismo biologico meccanico e ci illudiamo che per la medicina sia sufficiente curare la macchina, applicare il protocollo.                                                                                

Agamben, a tale riguardo spazza ogni illusione e così conclude: «La vita biologica è un’astrazione ed è questa astrazione che si pretende di governare e di amare.»                                                                                                                                  

Se a qualcosa potrà essere servito questo periodo di universo concentrazionario, la presa di coscienza del nostro proprio, la nostra autenticità, come direbbe Heidegger, sarebbe l’aspetto, indubbiamente, più importante.                                                                                                                    

Da questo punto di vista, la lettura, fortunatamente  abbastanza riscoperta durante questi periodi, ci aiuta a mostrare che ogni fenomeno sociale, per quanto macroscopico e di massa è vissuto, alla fine, da ognuno, sempre come Una questione privata e viceversa che non possiamo non sentire nostre anche Vite che non sono la mia , o per dirlo con le parole umane troppo umane della  Mafalda di Quino: Io amo l’umanità.  E’ il vicino di casa che detesto !

Paolo Fiore

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...