La poesia è la musica di ciò che accade

sh

La poesia di Seamus Heaney ci ha conquistato immediatamente. La sua straordinaria naturalezza, con cui ha visto e inventato la realtà di ogni cosa vivente, è entrata subito nei nostri cuori di lettori che alla poesia ancora chiediamo di stupirci, di spiazzarci e di emozionarci.

 Mondadori nel 2014 mandò in libreria  Morte di un naturalista, la raccolta d’esordio di Heaney.

Il libro è uscito per la prima volta a Londra nel 1966 da Faber and Faber

Già dalle sue prime poesie, Seamus Heaney si fa apprezzare per un’ autenticità vitale che attraverso il legame con la terra e le sue creature esprime una molteplicità di scavo in cui la bellezza, la meraviglia coesistono con l’orrore e la paura, che è uno dei temi fondamentali di «Morte di un naturalista».

Marco Sonzogni, che ha tradotto questo libro del poeta premio Nobel per la letteratura nel 1995, nella sua nota scrive che la paura  – nelle sue infinite varianti:l’incertezza, l’accortezza, la moderazione, la premonizione, l’equidistanza, la precauzione –  è la condizione che permea tutti i contesti e i contenuti di questo libro.

Heaney scava nella parola mettendosi sempre in discussione. La sua terra che lo ispira diventa presto lo spazio meditativo in cui il poeta si ferma per assistere allo spettacolo della vita. Qui  rinascita e morte sono intimamente legate in un connubio epico dove l’esperienza quotidiana abita il suo rapporto empirico e immanente con la realtà e le sue infinite tragedie.

Morte di un naturalista già contiene  tutta la straordinaria avventura poetica di Heaney: un grande poeta d’esperienza ispirato dal plasma della terra che calpesta e vive nella complessità dei paesaggi umani.

Un poeta che non dà mai niente per scontato quando impugna la penna per scavare nel buio di quelle cose che non si stanca mai di osservare attivamente con l’occhio del testimone che non ha nessuna intenzione di arretrare davanti ai  vuoti d’aria che scuotono le nostre paure. Perché « I viaggiatori, a questo punto, possono  solo aver fiducia».

La poesia semplice di Seamus Heaney conquista prima di tutto per il suo modo originale e insolito di accarezzare le parole con la dolcezza e la crudeltà di un meditare che vuole sempre scrivere «la musica di ciò che accade»

Nicola Vacca

Un pensiero su “La poesia è la musica di ciò che accade

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...