La lingua tagliente di Kurt

vonnegut

Kurt Vonnegut raggiunse la fama con Mattatoio n. 5. Prima della pubblicazione di quel romanzo, lo scrittore era diventato un mito anticonformista per i giovani degli anni sessanta che avevano voglia di vedere il mondo in maniera non conforme. Nelle università americane Vonnegut era letto come una speranza di cambiamento radicale.

Egli fu acclamato come portavoce delle giovani generazioni e rappresentante di una controcultura tagliente.

Vonnegut divenne uno degli oratori più richiesti nelle università americane. I suoi discorsi di fine anno accademico ai neolaureati sono diventati documenti storici.

Minimum fax nel 2015 li pubblica in volume. Quando siete felici, fateci caso raccoglie aforismi, ricordi, aneddoti e riflessioni sul mondo contemporaneo che Vonnegut raccontò agli studenti americani tra il 1978 e il 2004. Nel 2017 è uscita una nuova edizione ampliata.

Nove discorsi che rappresentano la summa del pensiero di un maestro geniale e irriverente.

Parole come ferite che inneggiano alla rivolta e alla libertà. Senza alcuna maschera, Vonnegut dispensa eresie, e senza alcuna presunzione si rivolge ai giovani con il suo modo schietto di parlare e di scrivere. Rivolge a loro un invito: non cadere mai nelle banalità del quotidiano, non lasciarsi sedurre dalla trappola del politicamente corretto. Quello che davvero conta è sposare sempre la provocazione e rifiutare ogni forma perversa di omologazione.

«A differenza di molti autori di discorsi agli studenti ,– scrive Dan Wakefield nella prefazione – che hanno un testo standard buono per tutte le occasioni in cui ogni volta inseriscono semplicemente il nome di una nuova università,  Vonnegut portava sempre qualcosa di appena sfornato, tirava fuori nuove idee, nuovi aneddoti, nuove fonti di ilarità e provocazioni su cui riflettere».

In questi nove discorsi, come nelle pagine dei suoi romanzi, Vonnegut non si nasconde dietro le parole. Nel cuore del mondo accademico lo scrittore rovescia ogni canone, smaschera tutti i luoghi comunie  si rivolge ai giovani che si apprestano a entrare nella vita adulta invitandoli a essere sempre  fieri della loro intelligenza e della loro conoscenza. Quello che davvero fa la differenza è spingersi sempre al di là di ciò che le  mani arrivano a stringere. Di questo c’è bisogno per essere sempre liberi e autentici.

Nicola Vacca

Un pensiero su “La lingua tagliente di Kurt

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...