L’Omero che ha sfidato la modernità

pound

Ezra Pound resta un autore fondamentale. La sua opera  poetica ha ispirato gran parte della poesia del Novecento. Nella grande arte poetica dei Cantos è riassunta la chiave della nostra modernità, C’è anche  la spiegazione dei feroci dilemmi della contemporaneità: in questi magnifici versi troviamo  la nostra storia, il retaggio culturale  di un’epoca, ma soprattutto troviamo la nostra realtà presente.

La figura di Pound spazia a trecentosessanta gradi: poeta, critico d’arte, pensatore  sociale, economico, politico, ma prima di tutto artefice del libero pensiero. Pochi scrittori hanno raggiunto  il grado di unità  tra arte e vita, pensiero e personalità, idea e azione.

Pound fu un poeta combattente, che scelse la trincea delle idee, avendo come unica certezza la coerenza per un ideale. Pagò in prima persona  le sue scelte.

Il poeta americano è uno degli autori più interessanti del secolo scorso che meglio riassumeva diversi schemi filosofici, letterari e poetici  riuscendo  a condensarli, creandone  di nuovi. In lui si notavano  infatti  i caratteri tipici di Dante, Confucio, Leopardi.

Chi si accosta ai Cantos oggi rischia lo stordimento. Stordimento effetto di una stupefazione che non può non cogliere, di fronte  a tale magma impetuoso ed iridescente di immagini, ad un’autentica babele di linguaggi, ad un dedalo  di nomi, luoghi, eventi, nozioni. Un vero labirinto di parole nel quale è facile perdersi: difficile trovare il filo per  seguire il percorso, che si snoda, pure, come via di conoscenza, iter iniziatico oltre che poetico, dalle tenebre alla luce.

La poesia  di Pound si legge  come un poema ininterrotto di Eternità che racchiude in sé tutta la storia del mondo.

I testi inediti  del grande poeta americano sono custoditi  nella Beinecke Rare Book and Manuscript Library della Yale University  a New Haven, Connecticut. In occasione del trentennale della sua morte, grazie a un lavoro certosino dell’americanista Massimo Bacigalupo, parte di questi testi sono stati pubblicati da Mondadori nel volume dal titolo Canti postumi.  Bacigalupo nella scelta mette in evidenza l’importanza del Pound lirico.

La  ricchezza testuale del Pound lirico rappresenta il preludio inevitabile  di tutta l’evoluzione della poesia contemporanea.

In questi versi  il mondo interiore incontra nella meraviglia lo stupore di un colloquio con l’anima(Accade ogni mezzo secolo una meraviglia / Entrai l’Albergo Pace e c’era una bottiglia/Bologna gran spumante/e ricordai tutto: / ricordai Rimbaud all’Albergo Verde/e ricordai Iseult, ch’era il grande amore).

Il  Pound lirico si incontra disegna  la grande visione  dell’uomo prima e del poeta poi che ha saputo consegnare  generosamente  agli onesti  seguaci  di tutte le fedi il messaggio  della bontà dei valori (Il Sole grande ammiraglio / conduce la sua flotta / nel suo gran périplo/conduce la flotta sotto i nostri scogli./Anchise sentì così cantare  le donnine /che lamentavano Primavera morta./E tu  che accosti  questi nostri prati, senti le voci delle linfe liete./Radono  ora la nostra bella pianura le barche dei pianeti./Non cercate  fra loro i vostri/il sangue  li porta a migliaia/che cadono fra nebbia e neve, a migliaia/ e i fiochi  giacciono e fondono….).

I Cantos  sono  una sintesi di civiltà e di storia. Rappresentano l’immane sforzo per avvicinare  l’Est all’Ovest e arrivare all’armonia contenutistica  dell’intero scibile umano.

Pound, uomo vivo di nobili ideali, poeta grande destinato alla sublime eternità incontra dantescamente il passato, il presente, anticipa il fluire del futuro con  le verità storiche della sua riflessione,  e rivela il mistero del cuore, le inquietudini della mente con la saggezza  profonda dell’intuizione poetica.

«Ezra Pound – scrive Bacigalupo – lavorò quasi tutta la vita  a un progetto di grande poema, The Cantos , che fosse insieme la storia del mondo e di se stesso, una nuova Odissea in quanto raconto di un ritorno di un esule  alla patria-terra promessa, e una nuova Divina Commedia in quanto faticosa  salita dagli Inferi a un Paradiso erotico e visionario. Solo che ciò che nei modelli classici avveniva linearmente, attraverso una narrazione, in Pound, poeta  di immagini e di intuizioni fulminee, avveniva circolarmente».

Nella narrazione circolare del  Tempo che fluisce, Pound nel cammino epocale dei Cantos  attraversa i ricorsi storici, passa dal quotidiano al mondo divino  e perenne, dal momento magico al mutamento, attraversando  le metamorfosi, compie il ritorno alle origini, donandoci l’épos corale che credevamo perduto.

La grande poesia travagliata  e feconda di Ezra Pound, la sua straordinaria attualità,  di testimone – narratore  della coralità della mappa dell’Universo, dell’individuo e della sua realtà quotidiana, etica ,sociale e politica, oggi si ripropone come significato che va oltre una fondamentale ricerca di senso, a certificare ancora una volta la continuità di quello che siamo stati in quello che cerchiamo di essere e soprattutto in quello che cerchiamo di divenire.

Gli ideali, i valori, le certezze, le verità profonde, sono i testamenti spirituali di Pound, Omero contemporaneo che ha sfidato il mare periglioso della modernità, Dante futuribile  che ha intrapreso il viaggio nella conoscenza cosmica, con una carica di creatività, di emotività e curiosità quasi maniacale, per soddisfare la vocazione di  riformare continuamente le cose, pronunciarsi su ogni aspetto della vita e della cultura, al servizio sempre della ricerca della verità, al di là di ogni ipocrita conformismo.

Gli universi pronunciati dalla poesia epica di Pound manifestano verità nascoste  e soprattutto profezie  di una cultura delle idee che diventa azione.

Anche la lettura di suoi versi inediti suggerisce  la forza visionaria e concreta del messaggio profetico della grande  idealità Poundiana. «Per niente.Fantasmi mi vanno attorno / rabberciati con storie. / Avevi il tuo compito:esprimere tanti pensieri, tante emozioni;/dipingere, più reale  di qualsiasi defunto Sordello,/ una metà o un terzo della tua vita intensa».

Qui c’è Ezra Pound,  scopritore  del pensiero attraverso  il viaggio nel mondo delle emozioni. Sì perché il reale delle emozioni fa  la Storia  e per il significato di una vita intensa passa  quel fluire del Tempo, tanto caro alle utopie e ai sogni del poeta, irrinunciabile tesoro senza il quale la stessa vita non avrebbe senso.

Proseguiamo a perderci, oggi più di ieri, nella monumentale poesia di Pound  se vogliamo ancora credere  che coltivare lo spirito nel cuore dell’eresia è  il rischio da correre per scommettere  sulle proprie idee, per vivere e agire da uomini.

Per questo  facciamo  nostre le parole di Pound   sul compito del poeta: il grande saggio si rivolge al lettore sconcertato  e si interroga sulla sua missione di testimone in versi  delle epoche. Al suo fedele lettore  il nostro poeta assicura che scriverà sempre per riempire il caos, popolare  solitudini, moltiplicare immagini, segnare la via sterile del paradiso, riempire il vuoto cosmico con la bellezza di un cielo stellato. Infine fare di  ogni stella  un nido di voci nobili.

Così noi, insieme al poeta, entriamo nel Grande Codice del linguaggio del mondo, ci perdiamo nel magma del caos, sicuri  che il dono della parola non ci lascerà soli  ma la sua sapienza ci salverà dalla sconfitta finale.

In queste riflessioni capitali risiede la grandezza del pensiero poetante di Ezra Pound, capace di superare i confini illimitati della stessa poesia e diventare profezia  e rivelazione di un discorso cosmico che si candida all’eternità e che trova nell’erudizione della morale della conoscenza,  nel viaggio nel delirio, e soprattutto nella tenerezza e nel sublime di una visionaria liricità, i fondamenti etici dai quali è impossibile prescindere  se si decide di esistere per conoscere.

La grande poesia dello scomodo  maestro Pound è ancora qui più viva che mai. Dalla casa dell’Eden il maestro della parola non si stanca di insegnarci l’esaltante avventura della sua intramontabile modernità con la quale è impossibile non confrontarsi.

Nicola Vacca

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...