James Graham Ballard – Crash

crash

Perverso, schietto, autentico. Parliamo di Crash, romanzo cult di James Graham Ballard e uscito nel 1973. Un testo che ancora oggi sconvolge per la sua attualità, per la sua capacità di profetizzare il mondo moderno.

La trama è lineare. Un gruppo di londinesi stravaganti e disperati sente il bisogno di eccitarsi e di divertirsi attraverso lo scontro automobilistico non virtuale; colleziona immagini di corpi mutilati, associa alle lamiere frammenti pornografici, consuma rapporti sessuali ad alta velocità.

Lo stesso scrittore si inserisce in questo contesto, vestendo i panni dell’io narrante. Salvatosi miracolosamente da un incidente in cui i corpi si sono mischiati alle lamiere, il Ballard-protagonista descrive e vede il mondo solo attraverso immagini pornografiche.

Attratto dallo spericolato Vaughan, icona televisiva e psicopatico, anche lui tutto cicatrici e malato di sesso, Ballard si colloca in questa società post – moderna in cui non c’è comunicazione, dove l’uomo è sempre più spersonalizzato e, soprattutto, è vittima della spettacolarizzazione del corpo e della morte.

Sono passati 44 anni dall’uscita di questo romanzo, ma la sua attualità sbalordisce. Tutto è spettacolo e si consuma velocemente: la morte, il sesso, la tecnologia va a braccetto con giochi perversi e annoiati.

Non ci vogliono pregiudizi per leggere un libro come questo. Anzi, serve parecchia autocritica.

Martino Ciano

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...