Che noia tutti questi intellettualini da salotto

macchina

«Mai leggere i critici: solo gli autori. Tutta la critica ha qualcosa del tema in classe. È pedante e vuole essere più intelligente di quel che è. In effetti ho notato che quasi tutti questi somari che scrivono recensioni sforzano la loro intelligenza e vorrebbero invece far credere che essa produce idee senza fatica, come inavvertitamente. Ma quanto è tutto laborioso e pretenzioso! Dobbiamo restare al di sotto delle nostre possibilità e delle nostre doti: è l’unico modo di mantenere un po’ di decenza».

(Emil Cioran – Cahiers 1957-1972 )

I critici letterari indossano gli abiti da intellettualini da salotto e spadroneggiano, con la complicità di un sistema editoriale corrotto, per mettere in atto operazioni di mistificazione che nulla hanno a che fare con la vera letteratura. A  questo da molto tempo è ridotto il mondo della critica letteraria. Pochi sono i critici impuri ancora impegnati sull’essenza dell’opera piuttosto che su tutto quello di marginale e superfluo che gravita intorno a essa. Molti, purtroppo, i servi sciocchi al servizio di poteri culturali. La critica letteraria è morta. Direi  che i funerali sono stati celebrati.

Dalle nostre parti assistiamo spesso alle polemiche colte delle firme prestigiose del giornalismo culturale che si interrogano, in apparenza, sulla brutta fine che ha fatto la critica letteraria.

Qui, però, il narcisismo va terribilmente di moda. Le prime donne del giornalismo culturale italiano intervengono sul tema della fine della critica letteraria soltanto per regolare i conti  con un loro illustre collega. Cosi leggiamo paginate intere di digressioni sterili(Corriere della Sera e Repubblica detengono ovviamente il primato)  che non hanno come tema la sorte del libro. In questi interventi inutili il critico letterario si preoccupa soltanto di demolire il collega scatenando  una reazione a catena. Così arriva la replica e poi  la controreplica. Che noia.

La critica letteraria italiana non vive un  periodo felice. Ma i suoi assassini sono i critici letterari stessi, troppo pieni di sé che non hanno nessuna intenzione di rinunciare alla loro arroganza culturale e soprattutto  esercitano quel mestiere per trarre da esso vantaggi personali.

Il critico letterario di una volta recensiva libri non per procurarsi  potere , non per compiacere alcune case editrici, o fare il ruffiano con il libro scritto da un amico. Il recensore di un altro tempo parlava di libri perché li amava.

Oggi c’è una logica interna al sistema editoriale che è terribile.

C’è un filo perverso di complicità tra gli uffici stampa delle case editrici più note e i recensori che vanno per la maggiore. Insieme decidono cosa recensire e cosa far diventare un caso letterario. Quasi sempre ad avere un successo mediatico sono libri che non valgono nulla. Basti pensare al primo romanzo di Alessandro Piperno che ha avuto recensioni servili ancora prima che arrivasse in libreria. O l’ immeritato successo de La solitudine dei numeri primi, libro sovrastimato  dalla critica letteraria, che qui ha messo in campo tutto il suo conformismo e ha dato il peggio di sé.

Il critico letterario, più che un attento osservatore delle tendenze culturali, si dimostra un perfetto conoscitore di strategie di marketing editoriale. Si prostituisce facilmente agli interessi di mercato delle solite case editrici, diventato il portavoce sulla carta stampata degli uffici stampa .

La critica letteraria è morta perché il recensore è un conformista che non ha nessuna intenzione di sottrarsi agli schemi del politicamente corretto: preferisce  rinunciare al coraggio di osare perché soltanto così può essere riconosciuto come un essere che detiene una fetta di potere e visibilità.

Non ci sono più i critici letterari che  scoprono giovani talenti, magari avendo il coraggio di segnalare anche piccoli editori.

La critica non può essere promozione, e i recensori non possono essere agenti di commercio. Dovrebbero essere per i lettori guide scrupolose e attente.

Invece questo accade. Il critico letterario  sposa l’insincerità, ne fa un cavallo di battaglia, scrivendo recensioni lusinghiere per libri che non andrebbero nemmeno pubblicati.

La nostra cultura ha più che mai bisogno di critici corsari e emotivi che sappiano rivendicare le ragioni della letteratura, che sono appunto quelle delle vita.

La critica letteraria è defunta. Lo sanno benissimo  i recensori che si prostituiscono al mercato. Così si uccidono le pagine culturali e si ferisce a morte il libro. Che gran piacere si prova nell’ inventare falsi capolavori  di cui parlano tutti. Il mercato è tutto, il libro no. Anche  nella cultura il vuoto è di scena. E i recensori hanno scoperto che è pure redditizio.

Nicola Vacca

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...