Letture, battibecchi e altre polemiche

martino

Martino Ciano è un giovane e promettente critico .Mi piace molto il suo punto di vista e le sue argomentazioni sul mondo culturale. Martino recensisce i libri perché li ama e li legge. Cose di non poco conto  in questo ambiente di mistificatori e millantatori. Ho deciso di affidargli una rubrica sul mio blog. “Letture & battibecchi” sarà il suo spazio libero e corsaro in cui ci parlerà  di libri e scrittori in totale e assoluta irriverente libertà. In attesa di leggere il suo primo intervento Martino si presenta così.

n. v.

Non sono un critico, non sono uno studioso, non sono un professionista delle belle parole. Ho una laurea come tanti altri e vale quanto quella degli altri. Mia nonna sapeva regolare la propria vita in base alle fasi lunari, io, nonostante i miei titoli, mi fido ancora troppo della scienza e poco della natura. Ho un lavoro che mi permette la sopravvivenza ma come i cani so masticare anche le pietre pur di mettere qualcosa nello stomaco. Sono un uomo moderno, della generazione X. Mi chiamo Martino Ciano e sono nato nel 1982 in Calabria, dove ancora molti credono nel malocchio, nella formula Abracadabra che tutto fa sperare ma nulla fa avverare.

Dei miei antenati ho preso tutte le sembianze tranne l’amore per lo squartamento delle bestie. Mio padre era un macellaio. Per mia disgrazia sono nato curioso, con un amore smisurato per l’arte, la musica, la letteratura, la storia e la filosofia. Le notti insonni aiutano le mie letture e le mie scritture. Quando dormo incessantemente, sei ore massimo, mi immergo in sogni che non so raccontare.

Quando Nicola mi ha proposto di scrivere sul suo blog mi sono chiesto perché io ma è durato un paio di secondi, giusto il tempo per mettere a tacere la paura per una nuova impresa al fianco di un cultore della letteratura quale Vacca. Poi, allo scoccar del mio sì, con piacere, ho compreso che questo spazio sarà la mia nuova casa, dove poter amare ancor di più l’arte, che tutto insegna e tutto fa ricongiungere.

La mia sarà una libera opinione sulle cose della letteratura. Nessuna genealogia del fanatismo perché come scriveva Cioran: “In se stessa ogni idea è neutra, o dovrebbe esserlo; ma l’uomo la anima, vi proietta i propri ardori e le proprie follie; impura, trasformata in convinzione, essa si inserisce nel tempo, assume forma di evento: il passaggio dalla logica all’epilessia è compiuto… Nascono così le ideologie, le dottrine e le farse cruente.Idolatri per istinto, noi convertiamo in Incondizionato gli oggetti dei nostri sogni e dei nostri interessi. La storia non è che una sfilata di falsi Assoluti, una successione di templi innalzati a dei pretesti, un avvilimento dello spirito dinanzi all’Improbabile”.

Ringrazio fin da ora Nicola Vacca per la fiducia accordatami. Dedico questo spazio a mio padre, avo squartatore.

Martino Ciano

Annunci

One thought on “Letture, battibecchi e altre polemiche

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...