Krüger, il poeta della decadenza

kruger

Michael Krüger è poeta e romanziere, figura di spicco della cultura tedesca. Dopo aver pubblicato le raccolte Di notte tra gli alberi (Donzelli, 2003) e Poco prima del temporale (Frassinelli, 2005),   per Mondadori ha pubblicato Il coro del mondo. (Poesie 2001 – 2010) e Spostare l’ora, in libreria da pochi giorni. La poesia di Krüger solca le difficoltà del nostro tempo con una semplicità drammatica che spiazza per la contemporanea comprensibilità.

Il poeta tedesco è un amico della malinconia. In ogni suo verso è il visibile a parlare con un linguaggio aderente alle cose e al tempo.

Sotto la lente d’ingrandimento della sua riflessione c’è la decadenza dell’uomo contemporaneo con la sua fragilità.

Krüger evita pessimismi scontati, viaggia intorno alle concretezze complesse dell’esistenza: l’incertezza, il dubbio, l’incapacità, le assenze e tutto quel cosmico non essere che sta travolgendo tutto.

Il poeta vede le cose e le racconta attraverso le loro ferite: «Così si presenta l’inverno quest’anno. /  Cresce la nostalgia, i giorni si fanno più brevi, / poi più lunghi. / No  no, cuor mio, / per me non c’è soccorso».

Krüger è il poeta dell’oggi che sconcerta il proprio tempo con le intuizioni tangibili che il presente traccia sotto i suoi occhi.

La sua poesia è disseminata di inquietanti domande estreme che si interrogano sulle mutazioni in atto che non giocano a favore della sopravvivenza della nostra specie.

Non splende mai il sole nelle pagine del malinconico poeta che scrive dell’uomo e della sua fine.

Preghiere mute, bufere che mostrano i muscoli, la realtà vista come una tragedia senza intervalli. Queste sono alcune delle metafore visibili del suo vero poetico che mette drammaticamente le radici nella  carne ferita degli esseri umani sulla strada dell’autodistruzione.

Krüger fa parlare la realtà e scopre le carte della sua disfatta. Nella sua poesia c’è tutta la storia del mondo, di cui noi tutti siamo il coro. Con chiarezza disarmante mette il lettore davanti alle sue debolezze, apre gli orizzonti dell’attuale stato di pericolo nel quale sta precipitando la storia . Le rovine annunciano un’apocalisse di sentimenti. Non ci sono più soluzioni e progetti, le ferite sanguinano perché le cose non vanno per il verso giusto.

«Il consiglio delle stelle si è ritirato /  dietro le nubi. / Dai loro esili bordi /s’intuisce come la mia vita cambia. / Amore, salute, esiti professionali / e in mezzo il piccolo velivolo  “ se” / che va di stella in stella / e scarica le notizie importanti. / Infine dopo giorni il messaggio liberatorio: / o l’uomo non si è ancora trovato / o si è perduto per sempre. / Questo son io, qui in mezzo, sotto le stelle».

Qui la voce scandisce le sue pene. Tutto quello che è malfermo nel mondo trova nella poesia di Krüger una casa. «Soltanto come infelici siamo immortali» annota il poeta sul taccuino nero dei giorni, mentre consuma la sua poesia nella casa del tempo che scorre.

Fedele al vero,  Krüger descrive il mondo con mortale chiarezza. Tutto va avanti.  I deragliamenti non annunciano buone nuove. La poesia non colma le lacune, dice che «il caso ne esce di nuovo vittorioso, / la ragione è battuta».

La decadenza e il nuovo tramonto dell’Occidente  hanno trovato in Michael Krüger un interprete autentico.

Nicola Vacca

Annunci

One thought on “Krüger, il poeta della decadenza

  1. “Il poeta vede le cose e le racconta attraverso le loro ferite”

    così fa anche l’artista, la sola differenza è l’uso della tecnica …

    (cercherò il libro in una libreria a Loano …domani ci vado in vacanza 🙂

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...