Il Maradona della letteratura

maurizio

Il pallone è sempre uguale, è sempre lo stesso, sia che lo calci Bruscolotti, sia che lo tocchi Maradona. Eppure, con lo stesso, identico pallone, Bruscolotti spazza l’area e rinvia in tribuna, Maradona fa una magia e segna da trenta metri, oppure prende la palla, se la incolla al piede, lascia dietro di sé quasi una squadra intera e segna un gol che entra nella storia. Eppure il pallone è lo stesso.

Anche le parole e le lettere sono sempre quelle per tutti, eppure a qualcuno la natura, o Dio, ha donato una magia che scorre nelle loro dita, una magia che passa attraverso le pagine. Sono i grandi scrittori, quelli che sanno far vibrare le corde dell’emozione, che fanno riflettere, che cambiano una vita, che arrivano dritti al cuore. E Maurizio de Giovanni è un grande scrittore, un Maradona della letteratura. Se nel calcio ci sono pochi dubbi su chi sia stato il più grande calciatore di tutti i tempi, nell’arte ognuno ha un suo modo di esprimersi, ognuno ha qualcosa di unico e inimitabile. Nell’arte non si possono fare classifiche (inutili e vacue), non ha senso, ma esiste, anche nell’arte, la categoria dei fuoriclasse, dei Maradona. Ed è a questa categoria che appartiene Maurizio de Giovanni.

Quando mi è stato chiesto di parlare di uno tra i miei scrittori preferiti, o meglio del mio scrittore preferito, molti sono stati i nomi che mi sono venuti in mente. Alla fine, ho deciso di parlare di uno scrittore contemporaneo, che ho avuto l’onore e il piacere di conoscere di persona e che è anche un amico. Maurizio de Giovanni.

Leggendo i suoi romanzi, ho scoperto un grandissimo scrittore. Ho iniziato con “Il giorno dei morti”, senza seguire l’ordine cronologico. Un romanzo struggente, che mi ha emozionato come pochi altri. Come sapranno ormai tutti, “Il giorno dei morti” fa parte della saga di Ricciardi, un commissario che “vede” l’ultimo istante di vita di chi ha subito una morte violenta. Il protagonista della serie forse più nota di de Giovanni vede i morti, ma i personaggi dei romanzi dello scrittore napoletano sono quanto di più vivo possa esistere nella letteratura, talmente vivi e tridimensionali che i suoi lettori si dividono in fazioni avverse, tifando per l’una o l’altra della donne che aspirano al cuore del tormentato Ricciardi.

Le storie di Ricciardi sono ambientate nella Napoli degli anni ’30, mirabilmente descritta come una città e come un tempo in cui ancora la solidarietà, l’umanità e la pietà erano sentimenti e valori normali, sentiti.

Con “Il metodo del coccodrillo”, de Giovanni ha inaugurato una seconda serie, sempre noir e sempre ambientata a Napoli, ma nella Napoli dei giorni nostri, una città completamente diversa da quella dove vive Ricciardi. E ha dato vita a una serie di romanzi corali, che hanno come protagonisti i componenti di una squadra di polizia, soprannominati “I Bastardi di Pizzofalcone”.

La grandezza di de Giovanni è nella poesia e nel sentimento che riesce a infondere in ogni riga delle sue storie. Che siano romanzi o racconti, noir o di altro genere, non si può restare mai indifferenti alla sua scrittura. Una scrittura che avvolge e affascina il lettore dalle prime righe, magica e ricca di poesia. Un dono che, nella storia della letteratura, appartiene solo ai grandi scrittori.

Pierluigi Porazzi

Pierluigi Porazzi, laureato in giurisprudenza, ha conseguito il titolo di avvocato e lavora presso la Regione Friuli Venezia Giulia.È iscritto all’albo dei giornalisti pubblicisti dal 2003. Suoi racconti sono apparsi su riviste letterarie, in antologie e raccolte e in rete. Fa parte del progetto Sugarpulp.Nel 2010 e nel 2013 ha pubblicato per Marsilio i romanzi “L’ombra del falco” (due edizioni) e “Nemmeno il tempo di sognare”, in seguito usciti anche, rispettivamente, nelle collane “Noir Italia” (Il Sole 24 Ore, 2013) e “Il Giallo Italiano” (Il Corriere della Sera, 2014).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...