Il cretino è l’oppio dei popoli

crteini

Chi è il cretino? Cretini si nasce o si diventa? Non cercate né di definire il cretino  e nemmeno di stabilirne la paternità. Un cretino è un cretino e basta.

Il cretinismo, inoltre, è un’epidemia. I cretini ritengono di fare opinione e si  organizzano anche in movimenti diffusi su tutto il territorio. E in quel momento che si fanno notare e riconoscere.

I cretini hanno il loro capo tribù, che noi chiameremo il cretino dei cretini, e con grande coralità si esprimono in cretinate di ogni genere E se qualcuno dice alla compagnia dei cretini che sono dei cretini, apriti cielo. In quell’istante,  la grande famiglia dei cretini fa quadrato intorno al cretinismo che pronuncia e con altrettanta cretineria inondano il divenire con la loro permalosità e stupidità imbecille di cretini.

Perché un cretino non ha un pensiero, quel piccolo neurone che ha nel cervello, cretino pure lui, si muove nella stessa direzione di tutti i cretini riuniti in associazione. Al di fuori del cretinismo che rappresenta, il cretino non è niente, ma non è nulla nemmeno tra i cretini che frequenta, perché, nei fatti e nelle opere, il cretinismo è la metafora calzante del nulla di cui sono padroni assoluti.

Mai come in questo momento di derive esistenziali e di crisi, il cretino si sente il padrone del mondo. Nell’epoca dei tuttologi e dei venditori di fumo, il cretino si sente dio in terra. Si prende talmente sul serio che crede davvero con la sua imbecillità di influenzare l’opinione pubblica.

Il cretino pensa di vivere in un mondo di cretini, per questo è cretino.

In effetti, se ci guardiamo intorno, soprattutto di questi tempi, troviamo cretini dappertutto.

Il cretino è lo spirito dei tempi di questo nuovo mondo globalizzato e omologato. Fruttero & Lucentini molti anni fa sono stati profetici quando insieme hanno scritto: «alla folla bisogna offrire feste numerose, perché gli imbecilli amano i rumori e la folla è fatta di imbecilli».

Mai come in questo momento la folla è fatta di imbecilli e di cretini che competono tra di loro per primeggiare in imbecillità e cretinismo. La cosiddetta prevalenza del cretino è una minaccia sempre più insidiosa.

Il cretino è l’oppio de popoli. E con diceva il buon Longanesi: «Non disturbate il cretino che lavora!».

Un cretino è un cretino, due cretini sono due cretini. Diecimila cretini sono un partito politico, scriveva il geniale Franz Kafka.

Il dramma è che i cretini sono sempre in campagna elettorale.

Nicola Vacca

Annunci

One thought on “Il cretino è l’oppio dei popoli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...